Samsung Gear 360: la recensione (VIDEO)

Ben tornati ad una nuova recensione di ByTecno.it. Questa settimana parliamo di un dispositivo molto particolare: Samsung Gear 360. Si tratta di una videocamera in grado di registrare immagini (come suggerisce il nome) a 360 gradi presentata dall’azienda di Seul nel corso dell’ultima edizione del Mobile World Congress a febbraio 2016. Non perdiamo perciò altro tempo ed andiamo a conoscere questo gioiellino, ma prima osserviamolo nella nostra videorecensione:

Unboxing/design

Partiamo come sempre dall’unboxing del nostro prodotto. Samsung Gear 360 si presenta in un box con forma cilindrica a protezione della camera, simile a quello delle action cam (potete leggere la recensione della Mediacom SportCam Xpro 220 HD WiFi). All’interno della scatola la camera con il tripode già collegato, pronta dunque all’utilizzo. Abbiamo poi il cavo USB, la batteria, un panno in microfibra per la pulizia dei due obiettivi. Ancora, nella confezione troviamo una cinghia da polso, una borsa per il trasporto e la manualistica con la guida all’utilizzo.

Osserviamo da vicino il dispositivo e notiamo subito il design sferico molto elegante ed aerodinamico, che rende la camera molto comoda da maneggiare. L’ispirazione per la forma è stata quella dei caschi degli astronauti, e si vede! I tasti presenti su Samsung Gear 360 sono solo 3: accensione/spegnimento, Menù e OK. Nella parte frontale della videocamera troviamo poi un piccolo schermo che indica lo stato della camera, alla destra del tasto menù il microfono e dalla parte opposta un altoparlante. Un’area presenta la lettera N, che significa l’antenna NFC per l’accoppiamento rapido con altri dispositivi dotati di tale tecnologia wireless. Lo sportellino laterale protegge gli slot per batteria (da 1350 mAh), microSD e la porta USB multifunzione. Infine le dimensioni fisiche: 56.3 x 66.7 x 60.1 mm, peso 152 grammi.

samsung gear 360
Fonte immagine: ByTECNO

Video/foto

Passiamo però ora a quella che è indubbiamente la parte più importante di Samsung Gear 360, la videocamera. Questa presenta due obiettivi paralleli da 15 MP con lenti a 180 gradi di visuale. Potremo registrare video con risoluzione massima 3840 x 1920, e scattare fotografie con 25.9 MP di risoluzione. Il doppio obiettivo Fisheye con F/2.0 consente poi di avere immagini luminose anche in condizioni di scarsa luce ambientale, e la camera è anche dotata di certificazione IP53 e quindi resistente a schizzi d’acqua e polvere, perciò non teme riprese avventurose durante le nostre gite (attenzione però perché non significa che sia fatta per le immersioni).

Passiamo però all’utilizzo della camera: la più grande lacuna è la compatibilità solo con alcuni dispositivi Samsung con l’app dedicata Samsung Gear 360 Manager, che trasforma lo smartphone nel mirino della videocamera. Per utilizzare la videocamera basterà quindi scaricare l’app, collegare lo smartphone tramite Bluetooth e premere poi il tastino giallo in basso a destra; il gioco è fatto e siamo all’interno della camera con 5 modalità. Potremo optare per la visualizzazione di materiale precedentemente archiviato, e cattura live con visuale a 360 gradi, doppia e panoramica. Basterà il tasto centrale per dare il via allo scatto/ripresa.

Possiamo scegliere se utilizzare uno solo degli obiettivi da 180 gradi o entrambi per avere immagini a tutto campo, mentre con il tasto Modo potremo impostare la modalità tra Video, Foto, Time Laps e Loop Video. Ecco il video delle nostre riprese con  Samsung Gear 360.

Conclusioni

Certamente un prodotto di alto livello e molto innovativo. Tra i punti di forza la risoluzione delle immagini, la luminosità e ovviamente le modalità di ripresa video (ottimo il Time Lapse). Due pecche però fanno storcere il naso su Samsung Gear 360: la compatibilità della camera – che può essere usata con Galaxy S7/S7 Edge, Galaxy S6/S6 Edge/S6 Edge+, Galaxy Note 5 e Gear VR; e la batteria, che sarebbe dovuta a potuta essere più capiente. Samsung Gear 360 può essere acquistata su ByTECNO.it a 349 euro.

Andrea Careddu

21 anni, blogger e appassionato tech. Laureato in Informazione, Media e Pubblicità all’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” e ora studente di Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Mi trovi su www.acareddu.it.