Whatsapp apre ai pagamenti digitali, al via i primi test

Un aggiornamento continuo e costante quello che travolge mese dopo mese Whatsapp. Il noto servizio di messaggistica istantanea, acquistato nel 2014 da Mark Zuckerberg per la cifra monstre di ben quattordici miliardi di dollari, continua la propria evoluzione, preparandosi a concedere ai propri utenti le tanto richieste videochiamate di gruppo, ma non escludendo a priori nessuna potenziale feature da implementare nel prossimo futuro.

Un esempio sotto questo profilo arriva proprio dai pagamenti digitali, sdoganati in ambito mobile da Samsung, Apple e Android con i rispettivi Samsung Pay, Apple Pay e Android Pay, con però solo quello dedicato agli utenti della mela di Cupertino che attualmente è disponibile sul suolo italiano e con la concorrenza che sgomita per accorciare i tempi tecnici per l’esordio nello stivale.

Ovviamente un colosso dell’industria digitale come Zuckerberg non poteva stare certo a guardare, conscio della propria potenza dettata da numeri assolutamente da capogiro: le stime riportate negli ultimi giorni parlano infatti di oltre un miliardo e mezzo di utenti attivi su base mensile all’interno di Whatsapp, un numero che, con l’avvento dei pagamenti digitali interni al servizio, consentirebbe all’app di muovere somme ingenti di denaro.

Una prima fase di test è partita proprio in questi ultimi giorni in India, con Whatsapp che permette quindi di inviare valuta reale attraverso UPI, un sistema di pagamenti mobile sviluppato nella stessa nazione sopraccitata, fattore che consente di avere a disposizione una liquidità ampissima grazie alla presenza di numerose banche supportate.

Una prova che ovviamente darà dati importantissimi per lo sviluppo futuro della funzione anche per le altre nazioni del globo, vista la presenza di oltre duecento milioni di utenti attivi su Whatsapp solo in India. Resterà comunque da vedere come il tutto prenderà forma in nazioni che non hanno strutture come UPI, e visti i tempi tecnici abbastanza lunghi per gli analoghi servizio di Samsung e Android.

Fonte