History Tech, l’evoluzione del televisore: dal supporto alla radio all’ultra tecnologia odierna

Uno degli strumenti tecnologici più diffusi al giorno d’oggi, e forse maggiormente dato per scontato all’interno delle case, è senza ombra di dubbio il televisore. Uno strumento che ai suoi albori poteva essere ritenuto quasi magico, grazie alla sua capacità di tramutare segnali elettrici o elettromagnetici in immagini, e che col passare del tempo ha assistito a una necessaria evoluzione che di fatto gli ha permesso di arrivare al livello tecnologico attuale.

Forse non tutti sanno che il primo televisore della storia venne commercializzata addirittura tra il 1928 e il 1934 nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Russia. Parlare di televisore ovviamente era un po’ azzardato in quel caso, dal momento che l’apparecchio, che rispondeva al nome di Baird Televisor (dal nome del produttore, Baird per l’appunto) altro non era che una radio che disponeva del supporto di immagini. Fu senza dubbio il primo passo verso una crescita che sarebbe stata esponenziale, e la conferma arrivò nel 1934 con Telefunken, che produsse e commercializzò il primo televisore a tubo catodico della storia.

L’avvento del colore, nel corso degli anni ’60, permise ovviamente di beneficiare di immagini sempre più vicine ai telespettatori, sebbene la qualità iniziale non fosse delle migliori: anche in questo caso il progresso tecnologico è stato sì lento, ma inesorabile e ha portato, durante gli anni ’70, all’esordio dei monitor al plasma: una vera e propria meteora però, che dovette fare i conti con i tubi catodici maggiormente economici e in sempre continua espansione. Solo nel 1992, grazie a Fujitsu, si ebbe un primo accenno di ripresa per quel preciso segmento di mercato grazie a un pannello al plasma da soli 21 pollici, che sfociò poi nel 1996 nel passaggio da prodotto business a prodotto di consumo.

La rincorsa al perfezionamento ha consentito poi a tutti di salvare parecchio spazio nei propri salotti: l’avvento degli LCD con l’inizio del nuovo millennio ha costituito di fatto un nuovo step nella crescita di un mezzo tecnologico che ormai non conosce più confini, e la riprova arriva dagli sviluppatori che ormai riescono a manipolarlo a proprio capriccio. L’esempio attuale è dato dai monitor Curved, sebbene il futuro, come mostrato a CES 2018, non sia da meno, con pannelli a scomparsa che potranno essere addirittura arrotolati, e che divengono quindi ottimi elementi da inserire all’interno dell’arredamento di casa, oltre che a strumenti ultra precisi per una visione assolutamente dettagliata delle immagini in altissima definizione.

Come dite? Tutto questo parlare di evoluzione vi ha fatto venire improvvisamente voglia di cambiare il vostro televisore? Allora non lasciatevi sfuggire le numerose offerte presenti all’interno del nostro store, con proposte adatte ad ogni tipo di disponibilità ed esigenza!